Amanti del caffè? Ve lo dice il DNA

Passione smodata o rifiuto totale? La risposta è nella scienza.

Caffè

Caffè

Il caffè nostra croce e delizia rimane a tutt’oggi la bevanda più consumata al mondo ma si sa che noi italiani ne abbiamo una passione se possibile ancora più smodata ma c’è anche chi il caffè lo detesta e sembra che a regolare questo gusto sia il nostro stesso dna secondo recenti studi scientifici coordinati da Nicola Pirastu, dell’università di Edimburgo, e pubblicati su Scientific Reports. Incrociando i dati genetici con il numero di tazzine consumate, è emersa una relazione inversa tra la presenza di una variante del gene chiamato PDSS2 e la passione per il caffè: le persone che presentano questa variante tendono a consumarne meno.

[adsense]

Il caffè fa male o bene?

Negli ultimi anni anche sul caffè si è detto e scritto molto: se da un lato qualche tazzina al giorno non è preoccupante qualcuno ha invece sostenuto che troppi possono far male ma anche quest’ultima ipotesi è stata un pò scartata appannaggio invece dell’ipotesi che il caffè ha diverse proprietà benefiche. Fino ad un paio di anni fa si diceva che il caffè facesse addirittura male al cuore, oggi invece alcuni studi rivelano che caffè cosi come tè e cioccolato fanno bene al cuore. A chi credere? A tutti o nessuno come sempre vale il buon senso: perchè rinunciare ad uno dei nostri piaceri quotidiani magari senza esagerare in attesa di studi che siano più concordi e coerenti l’uno con l’altro.

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it, tivoo.it, mondotelefono.it, maglifestyle.it Ha collaborato tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Collabora con la web radio Radiostonata.com nel programma quotidiano #AscoltiTv in diretta da lunedi a venerdi dalle 10 alle 11.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *