“Senza Respiro”, su Rai due il primo documentario prodotto da Rai Documentari

Andrà in onda su Rai2 il primo documentario prodotto dalla direzione RAI Documentari, che vede la partecipazione della redazione di “Petrolio Documentari”. 

Un racconto inedito, in prima linea, di quanto il Paese ha vissuto in queste settimane, diretto dalla regista italo australiana Sasha Joelle Achilli, dal titolo “Senza Respiro”, in programma giovedì 11 giugno, alle 21.20, per una puntata speciale di “Petrolio”.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

 “Senza respiro” è frutto del gruppo di lavoro di “PETROLIO DOC”, la linea di approfondimento della Direzione Produzione Documentari, che coniuga materiali della RAI, PBS, ARTE a quelli di film maker indipendenti. Una prova corale per raccontare il dramma umano vissuto da pazienti e medici. 

RAI Documentari si dedica al racconto emotivo, alle ferite dell’animo lasciate dal Covid-19. Grazie all’esclusivo accesso alle corsie della terapia intensiva dell’Ospedale di Cremona, ai ritratti di medici, infermieri e pazienti, “Senza Respiro” restituisce in dettaglio la potenza traumatica dell’esperienza vissuta.  

“Senza respiro” è un viaggio all’interno della sofferenza umana, una sintesi tra cinema e informazione di grandissima potenza emotiva dove l’ossigeno, e la sua mancanza, diventa alternativamente vita e sofferenza.

RAI Documentari, insieme all’americana PBS, alla franco-tedesca ARTE e all’equipe di “Petrolio” ha raccolto, giorno dopo giorno, le storie di donne e uomini, medici, infermieri e pazienti che hanno combattuto contro il virus.

Un viaggio nei mesi che abbiamo appena vissuto, negli ospedali, dove la sofferenza causata da Covid-19 si è manifestata nelle forme più drammatiche, durante i momenti più duri, tra paura e speranza, ha segnato per sempre la nostra generazione.

Un racconto corale tra Cremona, Piacenza, Bergamo e Codogno, dove tutto è cominciato, dai primi contagi, ai ricoveri e le morti in solitudine, sino al lento risveglio delle città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: