Lisbona, museo a cielo aperto: alla scoperta dell’arte urbana

Lisbona, museo a cielo aperto: alla scoperta dell’arte urbana

20 Settembre 2022 0 Di Giuseppe Ino

Lisbona è sempre più conosciuta per le straordinarie opere di street art che colorano la città, dai quartieri storici come l’Alfama o il Bairro Alto a quelli emergenti, come la zona delle docas lungo il fiume Tago. Nel corso degli anni sono nate gallerie e spazi dedicati, mentre altri progetti originali sono spuntati su tutto il territorio, portando questo tipo di intervento artistico a un pubblico più vasto.

Alcuni street artist portoghesi, come Vhils e Bordalo II, sono conosciuti in tutto il mondo e, allo stesso tempo, i grandi nomi internazionali come l’italiano Andrea Tarli o i brasiliani Os Gémeos, vengono a Lisbona per lasciare il proprio segno.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Tutto inizia nel 2008 con la fondazione della GAU (Galeria de Arte Urbana), istituita dal Dipartimento del Patrimonio Culturale della Câmara Municipal de Lisboa: sette grandi pannelli a disposizione degli artisti lungo Calçada da Glória, che diventa un primo, riconosciuto, museo cittadino a cielo aperto. La missione principale di questa realtà è promuovere i graffiti e l’arte di strada a Lisbona, all’interno di un quadro autorizzato e secondo un’ottica di rispetto per il patrimonio e i valori del paesaggio.

Ma ogni quartiere della città ha, più o meno nascoste, opere di artisti noti e non, locali e internazionali. Andarne alla ricerca, con tour guidati o semplicemente vagando per la città, è una piacevole avventura: da Parque das Nações – dove si è recentemente tenuto MURO, il festival di arte urbana – fino a Seixal; da Restelo a Amadora, passando per Marvila, Av. 24 de Julho, Alvalade, Bairro Padre Cruz o Barreiro e un parcheggio isolato a Baixa Pombalina.

E ancora, laUnderdogs Gallery dedicata ai nuovi linguaggi della cultura visuale, la LX Factory, con atelier, laboratori fotografici, librerie e ristoranti. E per proseguire l’esplorazione anche fuori città, si può visitare il MARCC – Museu de Arte Urbana e Contemporânea de Cascais.

Per maggiori informazioni: https://www.visitlisboa.com/it